• IT
  • Chat
  • Trova negozio
  • Mostra la mia lista dei desideri
  • Carrello & Cassa 0
Fai acquisti per un importo superiore a 149 € per usufruire della spedizione veloce gratuita.*
Shauneen Lambe – Co-fondatrice e direttrice esecutiva di Just For Kids Law Shauneen Lambe – Co-fondatrice e direttrice esecutiva di Just For Kids Law
Intervista con la stilista Tina Rolefs
"La digitalizzazione rappresenta un'importante tendenza, che HUGO BOSS ha già iniziato a seguire da tempo"

Il futuro del mondo della moda è esclusivamente digitale? Parliamo con la stilista BOSS Tina Rolefs del suo desiderio di creare qualcosa di nuovo e andare oltre i confini della sua professione. Tina ci rivela come in soli quattro mesi sia passata dalla scoperta della AI Art al lancio di un'intera collezione capsule ispirata proprio a questo concept.




Tina RolefsTina Rolefs
  • A cosa si ispira la collezione?
    Nel 2018 eravamo alla Next Conference ad Amburgo. Professionisti di diversi settori si erano riuniti per discutere di digitalizzazione. Tra i relatori c'era un artista che ci descrisse il processo di creazione alla base della cosiddetta "Artificial Intelligence Art". L'AI Art è un'arte che si crea mediante algoritmi. Mi sono lasciata ispirare e, dopo alcune ricerche, ho capito che avremmo potuto dare vita a motivi e grafiche unici mediante un algoritmo.
  • Alla fine come si è arrivati alla creazione del motivo?
    Per mesi ho lavorato meticolosamente su questo concept con i nostri artisti 3D. Utilizzando un algoritmo, abbiamo infine creato la nostra grafica ispirandoci a un motivo a quadri classico e a un motivo pied-de-poule. Per creare una collezione con questo motivo abbiamo dovuto generare una cosiddetta "armonia", cosa che ha richiesto molto tempo.Poi, insieme al team di e-commerce abbiamo selezionato le categorie di prodotto sulle quali presentare questo motivo esclusivo, e abbiamo scelto di puntare sul jersey: pantaloni, polo, T-shirt e felpe. La scritta algoritmica è presente sui modelli anche come stampa, ad esempio sulla parte interna dei capi.
  • Quali credi saranno le tendenze future nel settore della moda?
    La digitalizzazione rappresenta un'importante tendenza, che HUGO BOSS ha già iniziato a seguire da tempo. Credo anche che gli algoritmi saranno sempre più usati in futuro. Ci permettono di rispondere meglio e più velocemente alle esigenze del mercato grazie ai "megadati". Credo che tra pochi anni i capi d'abbigliamento saranno creati usando stampanti 3D. Tuttavia, il design classico continuerà a svolgere un ruolo importante. Credo che le tecnologie future rimpiazzeranno la cosiddetta "fast fashion", perché la sostenibilità diventerà sempre più importante. I nostri ruoli cambieranno drasticamente nei prossimi anni. Ed è tutto molto eccitante.
  • Quali sono state le sfide che avete affrontato nel creare la collezione?

    La sfida maggiore è stata la realizzazione del motivo. Alla fine avevamo solo quattro mesi per creare l'intera collezione, e la sola realizzazione del motivo ha richiesto un mese e mezzo.

  • Qual è la motivazione alla base del tuo lavoro?

    La mia passione per la moda. L'ho sempre avuta, è quasi un'ossessione. La risposta classica, che probabilmente viene data da ogni stilista ai colloqui di lavoro, è perfetta per me: "Da piccola cucivo sempre i vestiti per le mie bambole". Se ce l'hai, è una passione che coltivi fin dall'infanzia.